Rocchetta Mattei

Dopo un restauro durato dieci anni, la Fondazione Carisbo ha restituito al pubblico questo complesso monumentale di rara bellezza.IMG_3227

IMG_3232 IMG_3242 L’incanto non è tanto dovuto all’ architettura particolare e falsata – che può piacere o meno – quanto alla magia di cui alcune sale sono sature. Una fusione di stili, alterati volutamente dal genio, al solo scopo di rendere il più ospitale possibile ciascuna sala di cura. Il conte Cesare Mattei, studioso dell’omeopatia e amico di Minghetti e Andrea Costa, attorno al 1881 fonda un nuovo metodo di cura che chiamerà Elettromeopatia.  Nato da famiglia agiata, ha così tanti possidimenti che si permette di curare gratuitamente le persone bisognose nella sua dimora, a cui riserva le sale più esterne e alcuni villini a ridosso della Rocchetta stessa. Cesare Mattei è un genio del suo tempo, e nonostante farmacologia e medicina ufficiale rendessero difficile il progredire dei suoi studi, le sue ricette si diffusero presto in molte parti del mondo assieme ai suoi libri di ricerche.

Mattei, in quella rocca di stile indefinito, aveva visioni, idee e riceveva amore dai suoi pazienti eternamente grati per le guarigioni e questa mistura eterea dimora ancora nelle sale.
E’ una visita guidata che dura all’incirca un’ora e che vale assolutamente: si esce abbracciati dal mistero e dalla magia come quando da bambini si ascoltano le fiabe: non è importante se è tutto vero o tutto inventato, la favola regge così come viene narrata. E a volte scoprire che c’è il trucco è una delusione sterile che non conforta l’anima.

E di anima, il dottor Mattei, ne aveva un immenso rispetto…

Rocchetta Mattei, Grizzana Morandi (Bo) – si consiglia la prenotazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *