Opere d’arte con la biro Bic

 

Ha un cognome importante, che probabilmente non lascia spazio a disattese. Con tutto l’inchiostro che sta racchiuso in 31 biro bic, Marcello Carrà ha trasferito il degrado emotivo – da cui asserisce, deriva il degrado sociale – e lo fa esponendo in questi giorni a Ferrara alla MLB Home Gallery. A latere delle mostre permanenti di Palazzo dei Diamanti, Carrà ha voluto rendere omaggio al Caravaggio spagnolo Francisco de Zurban, partendo da uno dei suoi dipinti più famosi che attendeva i visitatori – la mostra si è conclusa nel giorno dell’Epifania – al termine della prima parte della mostra stessa: l’Agnus Dei

Agnus dei di Francisco de Zurbarán

Con la tecnica originale del tratto a biro che gioca tutti i chiaro-scuri di quadri che vanno dalla più piccola dimensione del formato A4 fino a pannelli di 4 o 5 metri per lato, Marcello Carrà – ricordiamo i suoi studi conseguiti in Ingegneria Civile a Ferrara, dove vive – ha disorientato, manomesso, stralciato, riempito, strappato, ferito e poi straordinariamente curato “l’agnello di dio che toglie i peccati del mondo“.

agnus1

La nostra fortuna si è rivelata tale oltremodo in quanto alla mostra era presente Marcello Carrà stesso, che ci ha così illustrato ogni suo quadro come solo un padre orgoglioso presenta i suoi figli al popolo. I suoi studi verso gli insetti – e si nota anche una sincera passione – gli hanno permesso di disegnare opere che hanno acquisito particolare valore negli ultimissimi anni, e che in omaggio a Zurban sono divenuti un tutt’uno con l’Agnus Dei e forse con il nostro bisogno di venire assolti, con l’anaffettività che si sta spargendo nel mondo, con la paura della morte e l’occorrenza di andarle incontro con la pace nel cuore.  In definitiva, per chi si fosse perduto la mostra del grande pittore mistico Francisco de Zurban, può ancora trovarne le tracce con un tocco impreziosito dal personale tratto della biro bic di  Marcello Carrà – e proprio a due passi dal sontuoso Palazzo Diamanti –  presso la Home-Gallery di Maria Livia Brunelli, una padrona di casa d’eccezione.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *