Milioni di Farfalle

farfalla7Appassionata delle NDE (Esperienze di Premorte), appassionata di come coloro che ritornano iniziano a vivere una vita piena di umanità, amore, beatitudine, e grazie a coloro che lo hanno commentato prima di me, ho voluto anche io tenere tra le mani…
farfalla4

 ..Milioni di Farfalle .. Voglio perdermi nel blu, voglio volare, voglio diventare farfalla..

 

<< Il Paradiso esiste. Ci sono stato. >> Eben Alexander
Milioni di Farfalle Eben Alexander

Renè Descartes (1596-1650) : “Se vuoi diventare un vero cercatore della verità, almeno una volta nella tua vita devi dubitare, il più profondamente possibile, di tutte le cose”.

Appena ho toccato il libro mi è salita una vampata di calore, di pianto, ho udito mille farfalle piangere. O ridere. O almeno così mi è sembrato.  E tra le mani è iniziata la storia, che è del dottor Eben Alexander in questo caso ma che è di tutti noi alla fine. Più leggevo e più cercavo di metabolizzare che il cervello è una fabbrica, uno stabilimento a ciclo continuo dove la coscienza prende forma, (meglio dire prende vita? più corretto asserire si crea?)  più mi accorgevo che sappiamo così poco di quel misterioso mondo che abitiamo, che portiamo a spasso e che esibiamo o che nascondiamo per vergogna, o che dimentichiamo da qualche parte. Come abiti vecchi, stropicciati e non alla moda.

Immaginare che in un giorno d’inverno, mentre tu non sei più nulla disteso su un letto freddo col respiratore che batte monco senza considerare un ritmo, in quell’attimo una farfalla si prenda cura di te,
farfalla8

e ti sussurri dolcemente qualcosa che qui, sulla Terra, suonerebbe all’incirca così:

“Sarai amato e protetto, affettuosamente, per sempre”

“Non hai nulla da temere”

“Non c’è niente di sbagliato che tu possa fare o aver fatto”

a me fa piangere. Punto.

L’amore mi pervade, mi riempie, e poi mi lava lasciandomi di nuovo “qui” con il battito d’ali di farfalle blu che all’unisono musicano una sinfonia mai scritta.

farfalla7

Ancora non so cosa riecheggia in me, perchè ho questa reazione. Il dottor Alexander, un affermato neurochirurgo americano, per introdurre la storia della sua vita e di come è rimasto in coma una settimana, parla di adozione, di persone adorabili che lo hanno, non solo cresciuto (adottato) bensì scelto, di fratelli e sorelle (di appartenenza? di sangue?) e poi ci sono io, di qua dalla storia, di qua dal libro: figlia unica e nata dai miei genitori che mi hanno sia data alla luce che cresciuta. Quindi perchè? 

Perchè mi commuovo ogni dieci pagine?

Poche ore e la storia è iniziata e finita, non avidamente, non in fretta ma in modo continuo, come fosse un ciclo della stagione. Fine.

E io mi sento sbagliata: “da piccola sei stata amata o benvoluta?”

Voi come vi sentite di essere stati da bambini, se chiudete gli occhi e poggiate una mano sull’addome: amati o benvoluti?

In questo momento di global new age, di legge dell’abbondanza, dell’assonanza, dell’attrazione, del pensiero positivo non è possibile porsi questa domanda perchè noi DOBBIAMO amare, DOBBIAMO perdonare, DOBBIAMO sorridere per primi, DOBBIAMO.

Ma come possiamo donare ciò che non ci è stato dato?

Ecco dove si recano le persone, più precisamente le loro coscienze-non-coscienti, quando il giudice interiore arretra. Ecco allora il tunnel, i suoni lontani, un bagliore e loro, che riversano tutto ciò che ci manca, che ci riportano in vita chi abbiamo amato e non c’è più, che ci fanno sentire speciali, stupendi, meravigliosi e più che mai.. al posto giusto nel momento giusto..

Milioni e milioni e milioni e milioni di immortali farfalle che ci liberano…

farfalla9

 

 

Milioni di Farfalle Eben Alexander

Compralo su il Giardino dei Libri

2 pensieri riguardo “Milioni di Farfalle

  1. Perchè abbiamo sempre bisogno di qualcuno che ci ama, perchè questa cosa non nasce da noi…….? Una vita di sofferenza e mancanza d’amore, alla continua ricerca. Solo l’armonia nell’amore sembra rappresentare il raggiungimento della meta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *