Sta per prendere il volo…

IMG_0740

una nuova aquila.. un’ aquila di cristallo..

Come una figlia mi sento accolta tra le sue braccia, tra le sue mani che trasmettono Amore..

Papà Aldo è così, non servono molte parole per descriverlo, ritengo che vada conosciuto e che ognuno possa accogliere dentro di sè il sentirsi “figlio”: suo o della vita allo stesso modo.
Aldo Mauro Bottura (www.aldomaurobottura.it)  e le sue Aquile di Cristallo ( www.aquiledicristallo.com) uniti
per andare insieme da qualche parte.
Quella che sta per vedere la luce potrebbe essere una nuova sede per l’Emilia-Romagna, in provincia di Bologna; chi sta per vedere la luce siamo tutti noi, che stiamo prendendo in mano il nostro essere e con Amore ci stiamo prendendo cura delle nostre vite.

Lo abbiamo conosciuto ad un corso di Analisi Interiore (www.aquiledicristallo.com/analisi_interiore/analisi_interiore.html magistralmente condotto assieme alla dottoressa Luisa Federici, che parla di coraggio e amore come due tra le più meravigliose figure della mitologia, tanto da fartele vedere come i tuoi idoli, i nostri idoli, gli unici sentimenti che ci dobbiamo, dove la nostra anima non ne attende che l’unione.  Altra importante co-partecipazione quella del dottor Danilo Manuel Bottura, psicologo pragmatico ed emozionale allo stesso tempo, che sa individuare precisamente, su ciascuna parola con cui ti esprimi, quanto e come conosci i tuoi pensieri, se l’autostima fa parte dei tuoi meccanismi mentali, sia essa di primo o di secondo grado, e sa mostrarti in un lampo in quali congegni ti incateni con le tue stesse mani.

Questa fortuna la vogliamo condividere, averli conosciuti ci rende frizzanti ed elettrici e per noi è fondamentale diffonderne la conoscenza, l’amicizia, l’amore di cui sono capaci. Per noi è importante farveli conoscere, e mostrare a voi tutti la loro magnifica natura..  O forse, voi che state leggendo queste righe sapete già, vi sentite curiosi e attratti, paurosi e vicini,  e come ci insegna questa storia zen,  non è un caso se state navigando all’interno di questo sito..

<< Due ciliegi innamorati nati distanti tra loro, si guardavano senza potersi toccare. Li vide una Nuvola, che mossa da compassione pianse di dolore e volle agitare le loro foglie.. ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.  Li vide Tempesta, che presa dalla tristezza urlò dal dolore ed agitò i loro rami, ma non fu ancora sufficiente, i Ciliegi non si toccarono. Li vide Montagna, anch’essa triste e compassionevole, tremò per il  dolore e agitò i loro tronchi, ma niente, i Ciliegi non si toccarono.

Nuvola, Tempesta e Montagna ignoravano che, sotto la Terra, le radici dei Ciliegi erano intrecciate in

un abbraccio senza tempo >> .

i ciliegi innamorati

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *