Questa sì che è una leader, altro che la solita politica

Lei sì che se ne intende

E’ una star, tutti la seguono, o meglio inseguono.                                                                  
Decide lei da che parte, foss’anche solo per seguire il vento.                                             
O un profumo.                                                                                                                       
Lei sembra in balia di se stessa                                                                                              
ma sa condurre la folla.                                                                                                     
Certo non mancano gli schiamazzi                                                                                 
vociare come ronzii di quelli che non ti lasciano                                                                     
E via, in cerca di nuove piazze                                                                                         
nuovi voti, nuovi seguaci                                                                                                     
che sono centinaia di migliaia.                                                                                          
Altro che “vzx-day”,                                                                                                               
altro che il più grande spettacolo dopo un qualche big-bang                                                                                                                               
Lei sì che è una regina.

Un pomeriggio di sole e caldo arriva, è divina, è la regina; dietro, un nuvolo di sudditanza ordinata, una nube oscura assordante senti_senti__                                                                                                            copre la visuale. E’ uno spettacolo che impaurisce, che impedisce di deglutire, che paralizza, che affascina. In meno di due ore un giovane pioppo viene completamente avviluppato nella sua cima da una città, un laboratorio, una base militare.  Le api sono tutte operaie nessuna disoccupatanessuna è impiegata, nessuna è in carriera, nessuna disoccupata.  Ci prende il panico, vorremmo fare subito una chiamata al 115 ma siamo imbalsamati, rapiti. E giunge la notte.  Nessun intervento è possibile se sono api. Le api sono protette da specifici articoli di legge, sono importantissime per l’impollinazione. Non dei fiori ma della vita. La mattina seguente, come per magia sim sala bim la base militare, l’outlet village è si e no la metà. C’è stata una dipartita, la campagna elettorale prosegue. E stamattina non v’è quasi più  sciame  traccia, non hanno lasciato sacchetti in plastica, cartaccia, nè buccia di mela, nulla. Sfidano le leggi della fisica e di gravità in quanto il loro peso, in rapporto alle piccoli ali, è di gran lunga superiore rispetto alle tabelle da laboratorio. Ma l’ape vola ugualmente… perché      n o n     l o     s a.    Occorre una smisurata accuratezza: se scompare questa società fantastica eppur reale, in cui tutte hanno incarichi strategici, nessuna sciopera, tutte sono ben remunerate, ognuna ha da mangiare  e partecipa attivamente a costruire la città in cui vivono, ebbene dicevo se scompare questa società noi tutti, uomini donne, bianchi neri, extra o comunitari siamo morti, finiti. Se scomparisse la politica.. potremmo anche salvarci..

 

<< sìì felice, oggi è il primo giorno di qualcos’altro>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *